BENESSERE PSICOFISICO IN MOVIMENTO – Lo sport che unisce i giovani

Descrizione Obiettivi Strategie Risultati Il progetto è suddiviso in tre fasi. La prima di promozione delle attività allo scopo di includere preadolescenti ed adolescenti interessati allo sport o che non hanno punti di incontro ed attività costruttive extrascolastiche. Nella seconda fase i ragazzi verranno inseriti all’interno della Società Canottieri di Corgeno frequentandone le attività sportive e sociali in un contesto di competizione sportiva ma anche di amicizia e collaborazione. L’ultima fase prevede un training con psicologi per lo sviluppo della Somatic Competence®, capacità psicologica di base che favorisce l’ascolto e la consapevolezza dei propri stati emotivi e corporei, fornendo gli strumenti psichici di base per relazionarsi con i coetanei e con gli adulti in modo appropriato.

1. Rispondere a mancanze di raggruppamento sociale giovanile sul territorio riducendo le attività extrascolastiche individualmente e socialmente che possono portare ad atti di vandalismo e antisocialità spesso registrate sul territorio vergiatese.

2. Diminuire il drop-out sportivo causato dalla carenza di strumenti nell’atleta per lavorare sulla motivazione, sul coinvolgimento attivo nell’allenamento, dalla difficoltà di gestire lo stress fisico e psicologico. 3. Sviluppare la Somatic Competence® negli atleti, cioè la capacità di avere coscienza degli stati corporei, come requisito fondamentale per migliorare il benessere psicofisico e relazionale, la performance sportiva, la diminuzione dei traumi sportivi e migliorare la motivazione a proseguire nell’attività sportiva.

 

Facilitare l’apprendimento

La psicologia psicosomatica e il teatro condividono presupposti fondamentali riguardanti l’apprendimento e le capacità espressive: l’allenamento dell’attore mira a renderlo sempre più consapevole del proprio corpo, della presenza nello spazio, delle emozioni, dei mezzi espressivi e della relazione con gli altri; in modo simile, la psicologia psicosomatica punta a costruire nell’individuo una competenza somatica, ovvero capacità di comprendere cosa accade nel proprio corpo, interrogandosi sulle proprie sensazioni, a partire sia da stimoli interni che da stimoli esterni. Il progetto è rivolto a studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado. Lo scopo del progetto è di individuare gli stili di apprendimento più adeguati del singolo alunno in base ai canali sensoriali più sviluppati ed efficienti tra visivo non verbale, visivo, uditivo e cinestesico. I canali sensoriali sono la modalità sensoriale con cui si entra in contatto con le informazioni provenienti dall’esterno. L’età, la scolarità, l’educazione, le caratteristiche personali e le convenzione sociali, sono le variabili principali che contribuiscono a favorire alcune modalità di apprendimento a sfavore di altre. Le ricerche in ambito psicologico sottolineano sempre più l’importanza del corpo nell’apprendimento: lo stato eccitatorio, gli aspetti somatici delle emozioni, la prevalenza di alcuni canali sensoriali, fino alla postura, all’idratazione e ad un corretto apporto di nutrienti. In questo senso, la proposta di un lavoro integrato, permette agli alunni di fare un’esperienza diretta e consapevole di ogni canale sensoriale, con la possibilità di focalizzarsi sull’ascolto del corpo ed individuare le condizioni di maggior efficacia nell’apprendimento. I risultati saranno poi restituiti agli alunni, ai genitori e agli insegnanti, con l’obiettivo di costruire, a casa e a scuola, un ambiente e una metodologia che tenga conto dei canali sensoriali preferenziali dell’alunno. Questo permette di sviluppare una capacità di apprendimento che potrà essere utilizzata per tutto il percorso di studi più coerente con l’unicità della persona.

 

Arci Bellezza

Uno spazio dove, oltre a fare i compiti, si trovi un metodo di studio personale, con un uso corretto degli strumenti (diario, zaino, materiali) seguiti da un’educatrice competente.Il progetto “Oltrescuola” prevede l’intervento a cadenza settimanale, di psicologi dell’ ASSOCIAZIONE ITALIANA DI PSICOLOGIA PSICOSOMATICA che proporranno laboratori su tematiche vicine ai ragazzi.

La finalità degli incontri è di accompagnare i ragazzi in un percorso dove possano imparare ad ascoltare il proprio corpo, contenitore di emozioni, molto spesso caotiche, per trasformarle in risorse. 

Ai ragazzi verranno proposti laboratori artistici e di movimento.